Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

A proposito della Sindone e delle reliquie.

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Sara Mori
Sara Mori
Viandante Residente
Viandante Residente
Si discute sull'originalità o meno della Sindone.
Si sono fatti studi e ricerche di ogni tipo;ci sono state tante contrarietà, ma il problema di fondo non è la dimostrazione scientifica.
Non sono necessari tanti studi per capire che la Sindone non è il telo funebre di Gesù e i motivi si trovano in alcune considerazioni che il fedele può fare sul Cristo, la sua venuta sulla Terra, lo scopo della sua vita fisica e il motivo della sua morte cruenta.

Gesù non avrebbe mai lasciato né permesso che rimanesse un'immagine del suo aspetto fisico perché non ci attaccassimo ad essa trascurando l'aspetto spirituale di Cristo risorto,anche perché ,come Ebreo ,evitava la rappresentazione umana.

Il fatto poi di permettere che un pezzo di stoffa (e per di più funebre ) diventasse oggetto di venerazione a cui inchinarsi non è ammissibile per Lui che ha affermato di aver vinto la morte,di dover adorare Dio in Spirito e Verità, di dover portare il fedele alla vita nuova del Risorto.

I quadri e le rappresentazioni di Gesù sono un bisogno umano di attaccarsi a qualcosa di materiale, un nostro modo di immaginarlo a seconda delle tradizioni e delle caratteristiche tramandate.
Tantissime immagini rappresentano Gesù ma nessuna è Lui.
Gesù risorto non veniva riconosciuto e non si è fatto toccare dalla Maddalena perché non era più lo stesso e doveva riunirsi al Padre.
L'uomo crocifisso e sofferente ha lasciato il posto all'uomo nuovo che può avere un volto o tutti i volti a seconda di come lo si guarda,dall'ideale di bontà e di bellezza di ognuno.
(L'occidentale vede Gesù con gli occhi azzurri, altri lo vedono diversamente, ma non è l'aspetto fisico che conta).

La Sindone è l'immagine statica di un uomo storico morto in sofferenza,un legame con la morte che Gesù non aveva.
Il vero legame lo si deve avere con il Cristo risorto e ritornato al Padre.
Gesù non poteva permettere che un telo funebre ci tenesse legati a ciò che era prima.
E' necessario non affezionarsi troppo a qualsiasi reliquia per non "legare" lo Spirito alle cose terrene.

Se anche avessimo il vero sangue di Gesù non apparterrebbe a noi ma a Dio,datore di vita e sarebbe una bestemmia appropriarcene.
Gesù ci ha dato un altro tipo di sangue al momento dell'Eucarestia,il sangue del nuovo patto con Dio,lo spirito del suo sacrificio,il segno della sua sofferenza per la causa umana,la speranza di una resurrezione eterna per chi avesse avuto in sé quel sangue.

Probabilmente la Sindone ha avvolto il corpo di un uomo a cui sono state inferte le stesse sofferenze del Cristo,forse un condannato o un martire.
Certo il volto dolce che emerge dalla ricostruzione dell'uomo della Sindone induce chiunque all'ammirazione ma Gesù ci dice:" Avrei potuto essere così,ma anche diverso:scoprilo tu guardando in te stesso."

Visualizza il profilo
2
tiziana
tiziana
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato

@Sara Mori ha scritto:Si discute sull'originalità o meno della Sindone.
Si sono fatti studi e ricerche di ogni tipo;ci sono state tante contrarietà, ma il problema di fondo non è la dimostrazione scientifica.
Non sono necessari tanti studi per capire che la Sindone non è il telo funebre di Gesù e i motivi si trovano in alcune considerazioni che il fedele può fare sul Cristo, la sua venuta sulla Terra, lo scopo della sua vita fisica e il motivo della sua morte cruenta.

Gesù non avrebbe mai lasciato né permesso che rimanesse un'immagine del suo aspetto fisico perché non ci attaccassimo ad essa trascurando l'aspetto spirituale di Cristo risorto,anche perché ,come Ebreo ,evitava la rappresentazione umana.

Il fatto poi di permettere che un pezzo di stoffa (e per di più funebre ) diventasse oggetto di venerazione a cui inchinarsi non è ammissibile per Lui che ha affermato di aver vinto la morte,di dover adorare Dio in Spirito e Verità, di dover portare il fedele alla vita nuova del Risorto.

I quadri e le rappresentazioni di Gesù sono un bisogno umano di attaccarsi a qualcosa di materiale, un nostro modo di immaginarlo a seconda delle tradizioni e delle caratteristiche tramandate.
Tantissime immagini rappresentano Gesù ma nessuna è Lui.
Gesù risorto non veniva riconosciuto e non si è fatto toccare dalla Maddalena perché non era più lo stesso e doveva riunirsi al Padre.
L'uomo crocifisso e sofferente ha lasciato il posto all'uomo nuovo che può avere un volto o tutti i volti a seconda di come lo si guarda,dall'ideale di bontà e di bellezza di ognuno.
(L'occidentale vede Gesù con gli occhi azzurri, altri lo vedono diversamente, ma non è l'aspetto fisico che conta).

La Sindone è l'immagine statica di un uomo storico morto in sofferenza,un legame con la morte che Gesù non aveva.
Il vero legame lo si deve avere con il Cristo risorto e ritornato al Padre.
Gesù non poteva permettere che un telo funebre ci tenesse legati a ciò che era prima.
E' necessario non affezionarsi troppo a qualsiasi reliquia per non "legare" lo Spirito alle cose terrene.

Se anche avessimo il vero sangue di Gesù non apparterrebbe a noi ma a Dio,datore di vita e sarebbe una bestemmia appropriarcene.
Gesù ci ha dato un altro tipo di sangue al momento dell'Eucarestia,il sangue del nuovo patto con Dio,lo spirito del suo sacrificio,il segno della sua sofferenza per la causa umana,la speranza di una resurrezione eterna per chi avesse avuto in sé quel sangue.

Probabilmente la Sindone ha avvolto il corpo di un uomo a cui sono state inferte le stesse sofferenze del Cristo,forse un condannato o un martire.
Certo il volto dolce che emerge dalla ricostruzione dell'uomo della Sindone induce chiunque all'ammirazione ma Gesù ci dice:" Avrei potuto essere così,ma anche diverso:scoprilo tu guardando in te stesso."

Boh,
io non sono intervenuta sul post che tu hai scritto sull'eucaristia perchè era ( ed è ) veramente orribile, strano che una cristiana non sappia nulla sull'eucaristia, neanche cosa significhi in greco e cosa è per noi cristiani il sacrificio eucaristico.

La nostra è una religione incarnata quindi i vari papi e i vari concili ci hanno dato il permesso di dipingere immagini sacre, per questo abbiamo capolavori come La Madonna della Seggiola di Raffaello e Il Tondo Doni di Michelangelo.

La sindone è un telo che risale al XII sec., è stata rifilata ai crociati, chi si inginocchia davanti ad essa, quando c'è l' ostensione, lo fa per devozione e basta, così come per la Scala Santa qui a Roma( XII sec. ) si sa che è un altro falso rifilato dai turchi ai crociati. Si sale in ginocchio per offrire un sacrificio a Dio perchè si ha un figllo malato, o per devozione, insomma, le preghiere non vanno mai sprecate.

Se fossi un' insegnante di catechismo ti consiglierei di approfondire il concetto sull'eucaristia, hai scritto cose da far rizzare i capelli, studia un po', no?
Ciao.

Visualizza il profilo
3
Arwen
Arwen
Viandante Storico
Viandante Storico
La Sacra Sindone resta ancora un mistero, al di là delle ricerche scientifiche che ne hanno messo in discussione la datazione,   gli scienziati non hanno ancora dato una spiegazione univoca su come si sia potuta essere impressa l'immagine, tante le ipotesi nessuna  prova certa, accertata.
Considerando che c'è stata un'epoca in cui si faceva commercio di reliquie di santi e giravano falsi è lecito dubitare ma per un credente  cristiano cattolico quella è la testimonianza della passione di Gesù, che si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo per noi. Gesù secondo la tradizione dei vangeli si è fatto uomo ed ha vissuto anche la morte come uomo, soffrendo come un uomo e invocando e affidandosi al Padre.
La Sindone, al pari di  altre reliquie, se anche fosse un falso, può essere vista  con  un valore simbolico, quindi l'adorazione e la preghiera non è fatta tanto verso un telo o un'immagine, un oggetto,  ma verso quello che rappresenta, cioè il sacrificio di Gesù per la nostra salvezza.
Per chi non crede il problema non si pone, sarà visto comunque e sempre come un falso per abbindolare credenti e fedeli.

Visualizza il profilo
4
altamarea
altamarea
Viandante Affezionato
Viandante Affezionato
Sindone = lenzuolo funebre o "sudario".

Mandylion = grande fazzoletto, conosciuto come "immagine di Edessa"  venerata dalle comunità cristiane orientali. La credulità popolare vuole che sul fazzoletto sia  raffigurato il volto di Gesù.

"Velo della Veronica": fazzoletto o telo col presunto volto di Gesù è conosciuto in Occidente col nome di "Velo della Veronica".

Falsi tutti e tre. . Bugie propagandate dalla Chiesa e dal  clero nei secoli,  approfittando della credulità popolare e dell’enorme analfabetismo diffuso fino alla prima metà del secolo scorso.

In questo post mi soffermo sul cosiddetto "Velo della Veronica". Questo nome  è la traduzione latina del nome greco Berenice, Berenike, dal macedone classico “fere nike” (= “che porta vittoria”). Nel passaggio dal greco al latino, per assonanza, “fere nike” fu fatto diventare dai parlanti “Veronica”, nome composto da “ver-“ + “-iconica” (da “icon” = immagine). Veronica significa “vera immagine”. Questa inesistente donna generò nella fantasia popolare degli incolti  la leggenda della "vera  immagine di Gesù”.

Secondo la leggendaria tradizione  questa  donna con un velo  asciugò il volto del nazareno  intriso di sudore e di sangue, mentre Egli andava verso il Golgota.

Su quel panno di lino sarebbe rimasta l’impronta del viso di Gesù, tale fatto non è citato nei Vangeli, però quella stoffa è considerata “reliquia cristiana”, una delle tante del  fiorente commercio delle reliquie in Europa.

Il possesso dell’originale “velo della Veronica” è vantato da numerose località: un'immagine è conservata presso la basilica di san Pietro in Vaticano, altre sono: nel Monastero dei Ss. Cosma e Damiano in Tagliacozzo (Aq); nella Cappella Matilde in Vaticano; nel Palazzo Hofburg, a Vienna; nel Monasterio de la Santa Faz, ad Alicante, in Spagna, ed un'altra ancora in Spagna, nella cattedrale  di Jaén; nella chiesa di san Bartolomeo degli Armeni, a Genova; a Manoppello (prov. di Pescara) nel santuario del Volto Santo.

L’1 settembre  del 2006 papa Benedetto XVI si recò in visita nel santuario del “Volto Santo” a Manoppello, accolto dal vescovo di Chieti-Vasto Bruno Forte, dai vescovi della Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise, dai sacerdoti della diocesi teatina e da 7000 fedeli. In questo santuario quel pontefice venerò l'immagine, ma senza dire nulla sulla veridicità o meno dell’icona su tela. E’ comprensibile, la Chiesa cattolica per sopravvivere non può smentire ciò che per secoli ha fatto credere come vera.

L’inesistente Veronica che asciuga il viso a Gesù,  dal XV secolo è venerata come una delle pie donne che seguirono la crocifissione di Gesù. E’ stata dichiarata “santa” dalla Chiesa cattolica e le è stata dedicata la sesta stazione della “Via Crucis”. Ma non basta. È protettrice della Francia, patrona dei fotografi, degli informatici e delle lavandaie.
La sua  commemorazione liturgica ricorre il 12 luglio.

Le bugie sulle reliquie propagandate per secoli  dal clero per illudere, dominare e controllare i fedeli, cominciano a ritorcersi contro la Chiesa. La costringono a dare spiegazioni e non sapendo cosa dire o per non ammettere di aver diffuso bugie si appella ai misteri di fede. Ma così facendo allontana molte persone, specie i giovani, che la domenica preferiscono frequentare i centri commerciali anziché partecipare alla Messa, ripetitiva e noiosa.

Visualizza il profilo
5
rikkitikkitavi
rikkitikkitavi
Viandante Forestiero
Viandante Forestiero
mah.
se la croce di Gesù avesse avuto tutti i chiodi che sono in giro per il mondo, sarebbe stata più di ferro che di legno.
se la corona di spine avesse avuto tutte le spine che sono in giro per il mondo, Nostro Signore sarebbe morto ben prima di essere messo in croce.
è importante? non credo, come non credo che lo sia la Sindone. Io non sono credente, ma rispetto chi prega davanti ad una reliquia, vera o falsa che sia.

Visualizza il profilo
6
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum