Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

blogstigazzi

Condividi 

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 16 ... 31  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 31]

26
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Post n°25 pubblicato il 20 Settembre 2010 da BIGbossSTIGAZZI



"Esiste una cucina che rifugge dal precotto e dell’“usa e getta”, non riconoscendosi nella semplice esecuzione di qualche ricetta gradevole
o nell’allestimento di un pasto occasionale. È quella proposta in questo libro, tra ricette, consigli e racconti. Una cucina che diventa un modo di essere e di vivere, riassume una scelta di qualità, di cura e di economia, prevede razionalizzazione degli spazi e un investimento di tempo ed energie non sporadici.
Una cucina in cui l’avanzo non è uno scarto, ma un alimento a pieno titolo, utile a completare, arricchire o trasformare un pasto, aggiungendo al gusto del palato quello più profondo e persistente del rispetto e del non spreco.
Fino al punto di creare appositamente degli avanzi."

è un libro edito da stampa alternativa e mi sembra un modo per cominciare a fare i conti con la crisi modificando le nostre abitudini, anche alimentari, forse il primo passo di un percorso che ci guidi in un'altro concetto di economia"

...questo avevo scritto l'altro giorno

poi nell'inserto di domenica 19 di Liberazione in un'intervista a Carlo Petrini (il fondatore di slow food) ritorna il discorso del cibo come strumento politico, non solo in senso lato, ma in senso stretto di fronte ad una domanda precisa di Vittorio Bonanni:

"Non per fare sempre le pulci alla sinistra, ma una cosa bisogna dirla.

Si è lasciata la critica agli ogm e alla grande distribuzione in mano alla Lega.

Che però interpreta il discorso della filiera corta e delle produzioni sul territorio nei termini beceri del localismo.

Non le pare?

(risposta di Carlo Petrini)

La sinistra non si può lagnare del leghismo paesano e ultracomunitario se poi continua ad avere una concezione produttivistica del cibo.

Ha buttato via troppo in fretta i valori della civiltà contadina, ritenendoli obsoleti.

La lega ha capito il legame importante fra cibo e territorio.

Se la sinistra non si pone neppure il problema non se la può cavare con il semplice sberleffo."

Raramente ho letto un ragionamento più sensato....

può non piacere, ma la sinistra ha LASCIATO temi fondamentali alla lega e alle destre in genere, a parte che i vertici della sinistra per governare sono andati a destra, non rincorrevano l'elettorato di centro ma le poltrone che sono sempre e solo state a destra, ma noi, la sinistra, questi valori, questi argomenti, il cibo, la sicurezza, il territorio, i valori tradizionali, lo sport, la difesa dei valori unitari (quest'ulimo la lega non l'ha raccolto,forse la destra in genere), tutto questo è stato lasciato a terra e la lega se ne è impadronita, poi io credo che davvero viri in senso becero questi valori, ultralocalistico, chiuso e conservatore, ma ha campo libero.

Le è stato lasciato campo libero.



Ultima modifica di BIGbossSTIGAZZI il Mar 26 Apr 2011 - 1:08, modificato 2 volte

27
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Stanotte ho fatto un sogno (cinque minuti fa e poi i cani mi hanno svegliato) ero in una stanza senza porte o finestre, murato dentro ma spostandomi e cambiando posizione le pareti si modificavano mostrando una tenda dietro cui stava un altro locale e poi spostandomi ancora sulla parete di fronte è comparsa una porta, comparsa non per magia, come se fosse un effetto ottico che solo camminando si poteva eliminare...poi mi sono svegliato se il sogno dopo continuerà scriverò il seguito, ma questo, mentre aspetto i cani che stanno facendo la pipì, mi porta ad un pensiero:
la virtualità, la realtà aumentata, l'iperrealismo ludico, ossia dove finisce la realtà e dove il sogno o il giochino?
Lo dico perchè io gioco alla play e mi rendo conto del livello di perfezione degli squartamenti di god of war, dopo centinaia di squartamenti virtuali cosa mi trattiene dal farlo davvero? Che me ne accorgerei se avessi delle lame rotanti legate ai polsi? Forse, ma se, vista la quantità di sparatutto in rete, se uno solo di questi fosse collegato ad una guerra vera?
Ho sentito che in Libia hanno usato un drone, ossia un robot comandato a distanza, la stessa parola l'ho letta su una rivista della play...e se qualche brufoloso 14enne giocando a call of duty a bangkok comandasse un drone in un vero scenario di guerra? Mi sa che da domani rispolvero i lemmings e mi dedico al solo salvataggio di animaletti scemi tendenti al suicidio, che se fossero veri almeno salvo qualcuno, buonanotte!

28
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Sorriso Scemo Grande Capo StiGazzi.....
.... ho in testa un progettino ma mi serve la tua arte.

Ergo ti lascio questo segnale di fumo,
occhio ai carabinieri.


Piccola Rinco-Squaw

29
euvitt
euvitt
Viandante Storico
Viandante Storico
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:
"Esiste una cucina che rifugge dal precotto e dell’“usa e getta”,

uh sì... e pensa che nei primissimi anni 70 la lotta ai veleni alimentari veniva portata avanti da certa stampa alternativa di sinistra

ma sai, l'epoca era quella della lotta al consumismo... e quindi si denunciava come venivano preparati quegli alimenti che non erano buoni per nutrire ma erano appunto chimica da consumare

imparai che era molto più igienico farsi sputare in faccia che bere il latte della centrale
che l'olio d'oliva non è olio d'oliva
che è meglio contendere il cibo ai cani che mangiare wurstel
che la raffinazione è dannosa...

e imparai che di queste cose non importa un cazzo a nessuno
non interessa a nessuno che gran parte delle malattie degenerative derivano dalle cose sbagliate che mandiamo giù
e che lo stesso pensiero è influenzato dal cibo, nel bene e nel male

... ho smesso di parlarne di queste cose

30
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
c'è un confine sottile tra rassegnazione e rinuncia, io sono rassegnato ma non rinuncio a nuotare contro la corrente, del resto è l'unica direzione che conosco, infatti quando morirò tutti vedranno che in realtà sono un ...SALMONE blogstigazzi - Pagina 2 214252

@rinco-squaw scussa in chessenso? Occhio a chi? io credo solo nei power-rangers i carabinieri sono un parto della fantasia rotolarsi dal ridere rotolarsi dal ridere

31
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Mi sono informato un po' sui Protocolli di sion.
StiCazzi! blogstigazzi - Pagina 2 73990920

ti consiglierei una lettura più "leggera"...del tipo "Le avventure di Nonna Papera" blogstigazzi - Pagina 2 73990920
Minchia StiCazzi! A leggere quelle cose ti si spappola quel poco di cervello mammifero che ti è rimasto. Poi va a finire che lavora solo il "cervelletto". blogstigazzi - Pagina 2 73990920

32
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
(Post n°26 pubblicato il 21 Settembre 2010 da BIGbossSTIGAZZI)

Le contraddizioni sono momenti illogici,

sono punti in cui il sistema in vigore è incapace di dare una risposta razionale,

la retorica popolare le chiama eccezioni e addirittura confermerebbero la regola

mao diceva che l'uomo è contraddizione,

forse in minima parte, ma quando le contraddizioni sono ovunque,

significa che tutto il sistema è fallato,

è un colabrodo.

Questo è il sistema dualistico.

Due esempi per tutti,

la decrescita felice e sperare nella diminuzione del pil.

Due fenomeni che io mi auguro, sono contraddizioni?

In un sistema in cui la crescita è il modello, parlare di decrescita felice sembra una contraddizione,

in un sistema che per sembrare florido deve vedere continuamente crescere il pil parlare di una diminuzione sperata pare una contraddizione, ma lo è solo per un sistema dualistico,

aristotelico,

che funziona unicamente bloccando la crescita spirituale, etica ed anche materiale del genere umano.

Le centrali nucleari fanno aumentare il pil,

i bambini e le persone si ammalano di tumori e leucemie

e danno da lavorare agli infermieri ed ai medici:

aumento del pil!

La povertà e le malattie aumentano?

E' tutta ricchezza,

per qualcuno,

tutti coloro che gestiscono il mercato del dolore e della beneficenza,

potranno costruire ospedali, ricoveri, mense e monasteri,

guardandosi bene dal risolvere i problemi alla radice

oppure diminuirebbe il businnes.

In un sistema formato sul rinnovamento linguistico e concettuale proposto dalla semantica generale, le contraddizioni calano in modo impressionante, potendo andare a cercare le ragioni dei problemi ovunque, non solo cercando capri espiatori in un sistema aristotelico, potendo cercare soluzioni ovunque, non solo dove è consuetudine trovare palliativi o placebo, i problemi si possono risolvere.

C'è la crisi?

Di chi è colpa?

Delle banche!

Ma le banche sono là e nessuno le può toccare, allora di chi è la colpa?

Dei ROM!

Allora diamo la caccia ai rom!

Questa è la risposta della destra, della lega di tutti coloro che pensano così di essere razionali e "pragmatici".

C'è la crisi?

Di chi è la colpa?

Delle banche!

Allora bisogna far pagare la crisi alle banche!

Questa è la risposta della sinistra, sognatrice di un mondo più giusto che non esiste, ancora.

Queste sono le due risposte di un sistema dualistico.

C'è la crisi!

Di chi è la colpa?

Delle banche,

della guerra tra poveri,

di parametri di un sistema economico ingiusto e squilibrato,

del guadagno eccessivo ed ingiusto di pochi sul lavoro di tutti,

di molte altre concause che insieme dobbiamo identificare e, una per una, trovare le soluzioni che non siano a discapito di nessuno,

qualcuno dice che non è possibile?

Io dico di sì.



33
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
La colpa della crisi è delle banche...e chi paga?
Le banche. Dice la sinistra.

Spetta eh...ora me la segno. Troppo bella questa. blogstigazzi - Pagina 2 73990920

Vedi? questo è il tuo problema. Tu pensi per schemi ideologici.
E non riesci più a guardare la realtà per quello che è.
La sinistra a cui pensi tu non esiste. Nè esisterà mai.

Per tornare a quello che dici alla fine...
Basterebbe introdurre la "fatturazione elettronica" tramite un sistema informatico collegato al ministero delle finanze. Incentivando me cittadino a chiedere la fattura.
L'evasione sparirebbe in un minuto e tutti pagherebbero il giusto.

Ma probabilmente nemmeno tu saresti contento. Perchè il "nero" fa arricchire di più. O no? eh? blogstigazzi - Pagina 2 73990920
Si si...siamo tutti di sinistra con i soldi degli altri.
E' un po' come dire....facile essere froci col culo degli altri. blogstigazzi - Pagina 2 73990920 Mettici il tuo di culo...e poi ne riparliamo. blogstigazzi - Pagina 2 73990920

34
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ti confermo che non sai leggere ed infatti non hai capito quello che ho scritto rileggilo e vedrai che hai risposto acazzo come tuo solito...x dovrai risolvere questo problema di analfabetismo che hai perchè diventa una perdita di tempo rispondere a post del genere, predellino ok, ma anche scollegato!

PS:visto che non ho fiducia che anche rileggendo tu riesca a capire te lo dico io DA UNA PARTE C'è UN SISTEMA DUALISTICO (DI CUI FA PARTE QUELLA SINISTRA CHE DEMAGOGICAMENTE RIDUCE I PROBLEMI AD UNA SOLA CAUSA OSSIA LE BANCHE) DALL'ALTRO C'è LA MIA POSIZIONE CHE RICERCA TUTTE LE POSSIBILI CONCAUSE IN UN SISTEMA COMPLESSO DI RELAZIONI IN UNA CONCEZIONE SEMANTICA chissà se così capisci

35
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Così è più chiaro. blogstigazzi - Pagina 2 73990920

36
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
meno male che c'è un punto oltre il quale anche tu capisci rotolarsi dal ridere

37
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
..non è la prima volta che vengo definito simpatico, persone che dovrebbero avercela a morte con me hanno piacere di far conversazione, addirittura qualcuno mi ha scritto che "non si può non essere daccordo con quello che dico" AAAAAHRRRRGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGG!

C'è QUALCOSA CHE NON VA!
iO CHE HO FATTO DI TUTTO PER RENDERMI ANTIPATICO azzo mi son scordato le maiuscole
io che dicevo ho avuto una diagnosi di soggetto antisociale a 3 anni ora che sono vicino a quella pensione che non vedrò mai sono diventato BUONO?
o MEGLIO TIPO COSTANZO UNA DI QUELLE SQUALLIDE FIGURE CHE azz mi sono riscordato le maiuscole
uno di quei panzoni piacioni "state bboni, volemose bene......."

cazzo no

mi rifiuto

voglio andare a scuola da x e da altri due che riescono ancora a rendersi odiosi ogni cosa che scrivono perchè questo scempio deve finire.....
se qualcuno mi chiede, ad esempio se sono fedele, cosa devo rispondere?
beh che lo sono ma solo perchè non ho i mezzi per farmi l'amante bona, non è vero ma è abbastanza sgradevole da far sì che qualcuno ci caschi,
ai vegetariani posso offrire un bel pollo fritto e se mi dicono qualcosa gli farò notare le scarpe di pelle che indossano.......bisogna spezzare questa spirale positiva, uscire dal tunnel della civiltà e attivare i migliori circoli viziosi! Sorriso Scemo

38
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
INCIPIT

visto che ho letto la parola anarchia (usata nel senso di caos ovviamente) cinque minuti fa in bagno faccio solo questa aggiunta (il resto lo scriverò compiutamente su blogstigazzi):

"Per Marx le crisi non sono un'infortunio, ma lo strumento con cui l'economia capitalistica periodicamente risolve i propri problemi. Questi problemi hanno la loro origine nella contraddizione tra il carattere sociale del lavoro e il carattere privato dell'appropriazione dei prodotti del lavoro. Ossia nel fatto che la produzione non è regolata secondo un piano consapevole nè finalizzata al soddisfacimento dei bisogni umani, ma soggetta all'"anarchia della produzione" (cioè alla competizione di singoli capitalisti) e finalizzata al profitto" Vladimiro Giacchè

da questo brano si può ben vedere come un certo tipo di anarchia sia già pienamente realizzata quella della produzione, delle merci del denaro, le frontiere sono aperte per le merci (tonnellate di droghe comprese) e chiuse per le persone, il mercato è libero le persone schiave...alt anche gli "individui" sono liberi se diventano robot o esseri ad una dimensione, pienamente definibili da target e ricerche di mercato ma se l'essere umano resta a tre dimensioni o 4 o molte di più non può che essere legato da leggi inutili il cui unico scopo è vessarlo...questa è l'anarchia che spaventa, quella dell'umanità, quella delle merci rassicura

39
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Su "il diagramma" si è sviluppato negli ultimi tempi un confronto sulla questione anarchia e da una prima apertura all'ascolto si è giunti ad una logica di blocchi contrapposti, questo non è nuovo nè strano, succede nelle discussioni sui sistemi sociali e sulla politica, idee diverse radicate pretendono fedeltà.

L'esempio è emblematico (chi vuole può andarsi a leggere i vari botta e risposta), e come dicevo nell'INCIPIT è frutto di una paura atavica, la paura di ascoltare chi non la pensa come noi. Ascoltare non significa cambiare idea, significa ammettere la dignità dei pensieri altrui senza condividerli. La discussione verteva (uso questo esempio, ma quando si parla di anarchia succede sempre così) su una tesi, ossia che caos e anarchia abbiano significati antitetici, nonostante la cultura dominante li ponga come sinonimi.
Il lessico moderno lo fa e perfino Pier Paolo Pasolini usava il termine anarchia come sinonimo di caos, ma non è così, perchè l'etimologia non è un'opinione, le radici delle parole ed i significati possono talvolta essere interpretati ma secondo codici precisi, tant'è che il corpo delle leggi prevede la parola scritta e quindi la certezza del linguaggio precede la certezza della pena.


Insomma mi premeva ragionare su questo, poi, una volta ristabilità la verità non cambia nulla, ossia l'interlocutore/i può pensare comunque che l'anarchia sia:

- impossibile,
- dannosa,
- impraticabile,
- utopica/distopica,
- ingenua,
- buonista,
e qualsiasi altro aggettivo possa pensare.

Purtroppo le strutture (le sovrastrutture direbbe il caro Carlo) influenzano i sensi, ossia non è possibile neppure comcepire una realtà diversa da quella cui si è abituati, forse per il timore di dover poi "cambiare idea", al punto di sentire solo quello che si vuole o tradurlo de facto in qualcosa di ammissibile.

Per questo leggendo il botta e risposta su "il diagramma" ho la sensazione di ascoltare gli esilaranti dialoghi di "non guardarmi non ti sento" con Gene Wilder, un dialogo fra ciechi e sordi:

- la la la non ti sento
- ma non vedi?
- cosa?
- che sono due cose diverse!
- quali?
- anarchia e caos!
- certo, infatti uno prova a fare l'anarchia ma poi diventa un caos!
- ma ti ho appena detto che se diventa un caos non è anarchia!
- certo perchè l'anarchia non esiste!
- infatti oggi non esiste ma in un futuro, quale ideale cui tendere...
- vedi che mi dai ragione: non esiste!
.......e vissero felici e inascoltati
Sorriso Scemo

esemplare nella sua chiarezza e semplicità l'ultimo post di purplebunny, siamo in attesa di vedere quanto verrà capito

ps VACCHE!

40
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
L'anarchia puoi esistere soltanto a livello mentale, come idealizzazione.
Nella realtà le cose hanno sfumature e l'uomo cerca ordine.
L'ordine gli serve per ottenere la sicurezza necessaria al suo benessere materiale ed emotivo ( non a caso esercita il potere forte innanzitutto su se stesso).
Non solo, l'uomo è per natura portato a fare esercizio di aggressività per accaparrarsi le risorse materiali ed emotive che gli servono.
L'anarchia è destinata a degenerare in brevissimo tempo, o ad essere una situazione di terrore fin da subito.

41
tulip
tulip
Viandante Storico
Viandante Storico
L'uomo per vivere serenamente in anarchia dovrebbe essere superiore in ogni senso a com'è adesso.L'anarchia è solo utopia.
Credo che sia nella natura dell 'uomo e di tutti gli esseri umani avere delle gerarchie e delle regole. Gli animali seguono delle regole e perfino l'universo le segue, così anche l'uomo.

42
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@ninfa "l'ordine gli serve per ottenere la sicurezza" ok ma così ci riesce? No? Allora l'ordine è un palliativo non è la vera risposta, forse il senso di appartenere ad un insieme può dare più sicurezza dell'ordine....."è per NATURA portato a fare esercizio di aggressività per...." co9me dire che scoprire i denti è una manifestazione di aggressività, l'evoluzione dei costumi ha portato al sorriso, forse l'aggressività può essere gestita...io non ho certezze, le certezze sono per monarchici e democratici, io esercito il pensiero in campi definiti ideali e vi trovo oggetti........................... Sorriso Scemo

@tulip sulle regole ok sulle gerarchie non credo che servano alla natura dell'uomo (tu sai qual'è la natura dell'uomo?) ma chi l'ha detto che l'anarchia è un mondo senza regole? Non io, io ho detto che si tratta di ordine senza leggi, le regole ci sono eccome e anche le consuetudini, ma anche il pensiero laterale e divergente e la complessità del non aristotelismo

43
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@ Capo

Nemmeno io penso che l'ordine sia la soluzione sai? ma nella stessa misura credo non lo sia l'assenza d'ordine. In Politica Royal mi ha detto di aprirgli un sondaggio sull'anarchia e li ho spiegato un po' di più perchè la penso così. Comunque certezze non ne ho. Non credo che per quanto concerne queste cose se ne possano avere. Credo si possa avere certezze soltanto riguardo a ciò che si tocca con le mani.... e sono sempre relative e temporanee.

44
tulip
tulip
Viandante Storico
Viandante Storico
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:@ninfa "l'ordine gli serve per ottenere la sicurezza" ok ma così ci riesce? No? Allora l'ordine è un palliativo non è la vera risposta, forse il senso di appartenere ad un insieme può dare più sicurezza dell'ordine....."è per NATURA portato a fare esercizio di aggressività per...." co9me dire che scoprire i denti è una manifestazione di aggressività, l'evoluzione dei costumi ha portato al sorriso, forse l'aggressività può essere gestita...io non ho certezze, le certezze sono per monarchici e democratici, io esercito il pensiero in campi definiti ideali e vi trovo oggetti........................... Sorriso Scemo

@tulip sulle regole ok sulle gerarchie non credo che servano alla natura dell'uomo (tu sai qual'è la natura dell'uomo?) ma chi l'ha detto che l'anarchia è un mondo senza regole? Non io, io ho detto che si tratta di ordine senza leggi, le regole ci sono eccome e anche le consuetudini, ma anche il pensiero laterale e divergente e la complessità del non aristotelismo

Parlavo della natura in genere. Se prendiamo l'esempio degli animali che vivono allo stato brado ti accorgi che tutti hanno delle gerarchie , delle regole, è come se si trattasse dell'ordine naturale delle cose, succede per tutte le creature dell'universo e per l'universo stesso.
In ogni caso parli di uomini superiori

45
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
io penso che noi siamo anelli mancanti, io mi sento un anello mancante non nel senso che manco ma mi sento pronto per un balzo evolutivo, penso che stiamo già costruendo uomini nuovi e in due o tre generazioni l'umanità cambierà tantissimo o si estinguerà, è tutto già dentro di noi in potenza, anche l'anarchia, io la sperimento ogni giorno nella mia vita e nel mio lavoro, e significa dare regole senza affezionarsi all'esercizio del potere questo è l'anarchia per noi della terra di mezzo, dobbiamo dare regole e fornire approdi ma nell'idea che un giorno non serviranno più
questa è l'anarchia
un processo educativo di crescita verso l' autonomia

46
tulip
tulip
Viandante Storico
Viandante Storico
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:io penso che noi siamo anelli mancanti, io mi sento un anello mancante non nel senso che manco ma mi sento pronto per un balzo evolutivo, penso che stiamo già costruendo uomini nuovi e in due o tre generazioni l'umanità cambierà tantissimo o si estinguerà, è tutto già dentro di noi in potenza, anche l'anarchia, io la sperimento ogni giorno nella mia vita e nel mio lavoro, e significa dare regole senza affezionarsi all'esercizio del potere questo è l'anarchia per noi della terra di mezzo, dobbiamo dare regole e fornire approdi ma nell'idea che un giorno non serviranno più
questa è l'anarchia
un processo educativo di crescita verso l' autonomia

Sei ottimista e la cosa ti fa onore , io non so esserlo. L'umanità cambierà, è cambiata, sta cambiando ma in peggio. Io, da pessimista, non trovo un solo ambito in cui l'umanità sia cambiata in meglio. Per favore illuminami

47
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
per esempio io ho in me una violenza incredibile, tutta la violenza di cui è capace un uomo......e non la agisco, la controllo e la sublimo, rispetto a un mondo che non forniva strumenti per sublimare la violenza io sono un microscopico passo "avanti" (avanti o indietro dipende sempre dal punto dell'osservatore dell'osservato e della stella polare ossia una triangolazione nello spazio)

48
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
@BIGbossSTIGAZZI ha scritto:per esempio io ho in me una violenza incredibile, tutta la violenza di cui è capace un uomo......

:§§: Capo tu si che si 'na bestia



.......... rotolarsi dal ridere

49
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
scherza scherza io invece stavolta no...sappi che ho scoperto di me che io sono una persona che tende a sopravvivere sempre anche in condizioni estreme questo significa che potrei anche uccidere per sopravvivere, potrei fare cose aberranti tornando a casa ed essendo un buon padre e tutto perchè ho una fottuta paura di morire...potrei fare il kapò in un campo di concentramento, potrei fare la spia, potrei fare cose orribilio fortunatamente riesco a sopravvivere senza farle, altrimenti sarei capace di sbulbare come in kosovo i nemici con un cucchiaino o aiutare mengele a fare i suoi esperimenti...io sono un ciccione pacifico meglio non stuzzicarmi.... blogstigazzi - Pagina 2 700819

50
NinfaEco
NinfaEco
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Ah Capo... stai confermando una mia ipotesi sugli esseri umani.....

te la dico? blogstigazzi - Pagina 2 2504199820

51
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 31]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 16 ... 31  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum