Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Rabindranath Tagore nel 70° Anniversario della Morte

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
IlDucaBianco
IlDucaBianco
Viandante Residente
Viandante Residente
Rabindranath Tagore nel 70° Anniversario della Morte Tagore-223x300


Oggi ricorre il 70° anniversario della morte di Tagore. Come definire quest’uomo?
Un filosofo? Un poeta? Un politico?
Lasciamo stare le definizioni. Quello che è certo è che è stato un uomo dal pensiero forte, all’interno del cui pensiero la riflessione sull’uomo e sul bene erano legate in modo diretto ai problemi della realtà concreta oltre che ai problemi dello spirito.
Ne è un esempio il modo in cui affronta la questione dei rapporti tra India ed Inghilterra: un proposito di conciliazione portato avanti attraverso una trasformazione culturale intimamente legata ad una precisa visione dell’uomo.
Questa filosofia è espressa nell’Asilo di Pace, in Indiano Śantiniketan . Si tratta di una filosofia pervasa da un’antimodernità non cieca e totalitaria, ma selettiva: non sempre il progresso è bene, ma resta una realtà inevitabile che può essere benefica se ben diretta.
La potenzialità benefica sta nella portata libertaria del progresso, ed è in questo elemento che Tagore trova un primo motivo che lo porta a ricercare un’integrazione tra la cultura indiana e quella inglese, di cui però condanna il materialismo onnipervasivo.
Il suo pensiero si fonda sulle antiche tradizioni induiste aprendosi nel contempo ad altre tradizioni culturali . Alla sua base sta la contemplazione della natura inquanto luogo di manifestazione del divino. Come nella natura assoluto e relativo, uno e molteplice, divino e terreno sono uniti, così devono esserlo nell’uomo. Il fine della vita sta nel conciliare le differenze anziché nel divaricarle.
Insomma, nelle sue poesie come nella sua vita attiva, si esprime una ricerca dell’armonia e della bellezza, tanto ostinata da integrare in se il dolore come sua parte non contraddittoria.


Visualizza il profilo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum