Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

I Promessi sposi di Alessandro Manzoni

Condividi 

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1
The Royal
The Royal
Viandante Storico
Viandante Storico
Parlare dei Promessi sposi di Alessandro Manzoni, significa parlare di un diamante dalla eccellente caratura, la cui luce e' destinata a non subire mai offuscamenti.

Si tratta di un'opera prima che nel campo della letteratura italiana svolge molteplici funzioni di culturalizzazione
e rappresenta il modello di romanzo in modo trans-temporale, proponendone la realta' ed i contenuti tipici di quello che possa appunto definirsi come romanzo.

Al dila' della complessita' della vicenda con tutti i propri risvolti, I Promessi sposi e' un'opera che descrive la societa'italiana in una certa fase storica e si avvale di un linguaggio non solo profondamente espressivo, ma anche straordinariamente equlibrato nella costruzione grammaticale protesa a descrivere tutte le varie situazioni che si parano di volta in volta davanti al lettore come autentiche lunghe visioni che sembrano una statica ma poetica sceneggiatura.

Il talento di Alessandro Manzoni, non risiede soltanto nell'aver scritto un romanzo che da molte voci della cultura viene definito come il primo romanzo, ma risiede anche nell'aver composto un'opera che rapprtesenta "il romanzo per eccellenza" ovvero una vicenda popolare elevata a livello di magistrale letteratura simbolo a sua volta di una realta' sociale culturale e politica unica nella storia delle culture e dei popoli:la realta' italiana del seicento.

Una realta' sui generis rispetto a tutte le altre.
Ma di Alessando Manzoni ce n'e' stato uno solo.

E la sua unicita' emerge anche attraverso quel clima di religiosita' che continuamente pervade le fasi del romanzo.

Un'opera dunque che proprio per il mirabile equilibrio interno delle proprie componenti sia strutturali che narrative,
porta in se' la propria giustificazione artistica e diventa motivo di studio anche nel periodo della formazione scolastica.

Il meglio, quindi della genialita' letteraria ed appunto artistica.

2
marimba
marimba
Direttore del Corriere della Pera
Direttore del Corriere della Pera
Diciamo una buona volta la verità: mentre lui per cinquant'anni scrive e riscrive I promessi sposi, Balzac infila uno dopo l'altro dieci capolavori, Melville scrive l'immenso "Moby Dick" e Dostoevskij... Beh, Dostoevskij scrive "L'idiota", "Delitto e castigo" e "I fratelli Karamazov", eh.
Silvio Orlando nel film "Il portaborse"

3
Pazza_di_Acerra
Pazza_di_Acerra
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Che avrà voluto dire Royal con quel "Si tratta di un'opera prima"?

4
The Royal
The Royal
Viandante Storico
Viandante Storico
@Pazza_di_Acerra ha scritto:Che avrà voluto dire Royal con quel "Si tratta di un'opera prima"?


Gentile Signora, ho voluto dire che si tratta di un'opera prima in quanto rappresenta un pilastro fondamentale ed endogemente costitutivo di tutte le prerogative artistiche culturali e semantiche della storia della letteratura italiana, oltreche' di un'opera che rappresenta in modo velatamente poetico la fase storica del momento i cui fu' ambientata. cool

5
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
@The Royal ha scritto:
Ma di Alessando Manzoni ce n'e' stato uno solo.


e per fortuna!
tutto merito della provvidenza
Sorriso Scemo

6
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
Per parlare dei promessi sposi forse occorrerebbe averli letti.
Chiunque li avesse letti e non solo sfogliati saprebbe infatti che nella lingua italiana i monosillabi, salvo casi particolari, non si accentano.

7
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Rupa Lauste ha scritto:
@The Royal ha scritto:
Ma di Alessando Manzoni ce n'e' stato uno solo.
e per fortuna!
tutto merito della provvidenza
Sorriso Scemo
Doppia battuta. Sciapò.

8
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
Comunque ho scoperto che i Promessi Sposi è un plagio clamoroso. Ecco l'originale da cui è stato copiato:

I Promessi sposi di Alessandro Manzoni !!eGdd!Q!WM~$(KGrHqIOKpcE0VlgE7,,BNVy)zu-!Q~~_32

9
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
@massimo ha scritto:nella lingua italiana i monosillabi, salvo casi particolari, non si accentano.

aspe' questa non mi é chiara...dobbiamo approfondire!
I Promessi sposi di Alessandro Manzoni 73990920

10
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Rupa Lauste ha scritto:
@massimo ha scritto:nella lingua italiana i monosillabi, salvo casi particolari, non si accentano.

aspe' questa non mi é chiara...dobbiamo approfondire!
I Promessi sposi di Alessandro Manzoni 73990920
Non mi rivolgevo a te, scusa l'equivoco.

11
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
no figurati avevo capito.
peró se non sbaglio ci sono un bel po' di monosillabi con l'accento.

ok lo ammetto...ai tempi de "i promessi sposi" ero troppo immaturo
nascondersi

12
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Rupa Lauste ha scritto:no figurati avevo capito.
peró se non sbaglio ci sono un bel po' di monosillabi con l'accento.
In genere i monosillabi vengono accentati solo nel caso di ambiguità:
Esempio
se part. cond, sè pron rifl.
do nota musicale, dò verbo (ma i puristi non lo mettono)
lo stesso da e dà
fu, di sicuro l'accento non lo vuole. E nemmeno sta. Al massimo l'apostrofo come troncamento di stai.



Ultima modifica di massimo il Mar 2 Ott 2012 - 22:50, modificato 1 volta

13
Yale
Yale
Viandante Mitico
Viandante Mitico
Dunque vediamo...ci sono il , il ...
di certo non il né il fù (o peggio fu')

14
Yale
Yale
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@massimo ha scritto:fu, di sicuro l'accento non lo vuole. E nemmeno sta.

Apostrofo, messere. Ancora peggio!

15
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
ok ma questi?

lá (luogo)
lí (luogo)
né...né
sí (yes)

oddio ho i dubbi!

16
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
@Yale ha scritto:
@massimo ha scritto:fu, di sicuro l'accento non lo vuole. E nemmeno sta.

Apostrofo, messere. Ancora peggio!

ciué?
aiuto mi state mandando in loop la serata!

17
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Yale ha scritto:Dunque vediamo...ci sono il , il ...
di certo non il né il fù (o peggio fu')
Po' vuole l'apostrofo come troncamento di poco. Fu potrebbe averlo come troncamento di fui. Ma decisamente un manzoniano non direbbe Ei fù siccome immobile, o Fù vera gloria ai posteri l'ardua sentenza...

18
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Rupa Lauste ha scritto:ok ma questi?

lá (luogo)
lí (luogo)
né...né
sí (yes)

oddio ho i dubbi!
hanno tutti una possibile ambiguità, se noti. L'accento la risolve.

19
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
Sono perplesso però su kung-fu....Sorriso Scemo

20
Yale
Yale
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@massimo ha scritto:
@Yale ha scritto:Dunque vediamo...ci sono il , il ...
di certo non il né il fù (o peggio fu')
Po' vuole l'apostrofo come troncamento di poco. Fu potrebbe averlo come troncamento di fui. Ma decisamente un manzoniano non direbbe Ei fù siccome immobile, o Fù vera gloria ai posteri l'ardua sentenza...

Appunto.

21
Yale
Yale
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@massimo ha scritto:Sono perplesso però su kung-fu....Sorriso Scemo

Ah non so...quello non l'ho mai praticato KleanaOcchiolino

22
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
Però ho trovato il fu' nel senso di fui:
Poi ch'i' fu', Dante, dal mio natal sito. - Sonetto (Rime CXV) di Cino da Pistoia,

23
Yale
Yale
Viandante Mitico
Viandante Mitico
@massimo ha scritto:Però ho trovato il fu' nel senso di fui:
Poi ch'i' fu', Dante, dal mio natal sito. - Sonetto (Rime CXV) di Cino da Pistoia,

Ma certo! Ora è chiaro: TheRoyal come Guittoncino di ser Francesco dei Sigisbuldi.

24
massimo
massimo
Viandante Residente
Viandante Residente
@Yale ha scritto:
@massimo ha scritto:Però ho trovato il fu' nel senso di fui:
Poi ch'i' fu', Dante, dal mio natal sito. - Sonetto (Rime CXV) di Cino da Pistoia,

Ma certo! Ora è chiaro: TheRoyal come Guittoncino di ser Francesco dei Sigisbuldi.
Dal momento che la frase incriminata è :
fu' ambientata.
se fu' significa fui bisognerebbe parlare piuttosto di Monna Scartellata Uguccioni di Poggiofiorito duchessa di Montepadulo

25
Rupa Lauste
Rupa Lauste
Viandante Storico
Viandante Storico
I Promessi sposi di Alessandro Manzoni 214252

26
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum