Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Cogito ergo sum applicato all'uomo

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Zingara
Zingara
Viandante Residente
Viandante Residente
Cogito ergo sum ( Penso dunque sono) è una delle massime filosofiche più famose ed abusate.
Pochi in realtà sono in grado di contestualizzarla e sono ancor meno le persone che la metterebbero in dubbio.

Per capirci, Cartesio arriva a questa conclusione utilizzando un metodo d'indagine modellato sul criterio dell'evidenza, ovvero un metodo che valorizza il dubbio e che in baso al peso accordato al dubbio ammette come vero solo ciò che è evidente. In base a questo metodo i sensi si rivelano inaffidabili, il copro con loro e anche molte verità scientifiche. Il pensiero no.
Infatti l'unica cosa che risulta evidente e indubitabile è il fatto stesso di avere dubbi. Se è evidente che dubito , dice Cartesio , è altrettanto evidente che penso , e quindi che esisto come sostanza pensante .

Questo è il contesto.
Ma io mi chiedo una cosa. Concretamente, cioè umanamente, non è proprio il pensare ai propri pensieri a rendere meno evidenti le cose compresa la nostra esistenza? Riflettere o peggio riflettere sui propri pensieri non rompe l'immediatezza del contatto con la realtà? Questo tipo di dubbi in realtà non si auto alimentano?

2
paolo iovine
paolo iovine
Viandante Mitico
Viandante Mitico
dubitare dell' esistenza di dio, ai tempi di Cartesio era pericoloso. Spiegare i perché del dubitare, correlato all' esistere dell' uomo, è stata la mossa di un uomo di scienza prudente.

3
xmanx
xmanx
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
Cara Zingara, credo proprio che "cogito ergo sum" non volesse significare farsi le pippe mentali o "pensare troppo". Quella è paranoia SGHIGNAZZARE

Penso piuttosto che volesse indicare la capacità di discernere...cioè di osservare, analizzare e decidere. Cosa che gli altri animali non fanno poichè si muovono in base a una identità collettiva dettata dalla appartenenza ad una specie...e non in base a una consapevolezza (quando c'è) "individuale", come avviene per l'homo sapiens.

4
hakimsanai43
hakimsanai43
Viandante Storico
Viandante Storico
aspetto
Cogito ergo NON sum !
Allora sì che ci capiamo: se cogito,lo faccio nel tempo cioè nel passato
che non esiste più o nel futuro che non è ancora arrivato.
Ma io credo di essere il pensiero e cioè passato e futuro inesistenti.
Dunque: cogito ergo NON sum.
E se non cogito? Ergo SUM !
Se non cogito allora non arriva nessun pensiero dal passato inesistente e neppure dal futuro che verrà ,nessun pensiero orrizzontale ma la Verità
verticale e nel PRESENTE.
Dunque?
Dunque NON cogito ergo sum.

Paura

5
Lostboy
Lostboy
Viandante Storico
Viandante Storico
All'uomo si applica il Coito Ergo Sum

6
hakimsanai43
hakimsanai43
Viandante Storico
Viandante Storico
@Lostboy ha scritto:All'uomo si applica il Coito Ergo Sum
aspetto
"Si applica?"
Boh!

7
Zingara
Zingara
Viandante Residente
Viandante Residente
@xmanx ha scritto:Cara Zingara, credo proprio che "cogito ergo sum" non volesse significare farsi le pippe mentali o "pensare troppo". Quella è paranoia SGHIGNAZZARE

Penso piuttosto che volesse indicare la capacità di discernere...cioè di osservare, analizzare e decidere. Cosa che gli altri animali non fanno poichè si muovono in base a una identità collettiva dettata dalla appartenenza ad una specie...e non in base a una consapevolezza (quando c'è) "individuale", come avviene per l'homo sapiens.

No, lui intendeva i pensiero in generale. Forse ai suoi tempi c'erano meno certi problemi.
In ogni caso, non credi che anche la paranoia sia un pensiero che analizza? Nasce per questo, solo che è ipertrofica e quindi si perde.

@Hakim
Tu pensi troppo

@Lostboy
E le donne?

8
hakimsanai43
hakimsanai43
Viandante Storico
Viandante Storico
Cogito ergo sum applicato all'uomo 73990920
Sono esattamente 40 anni che non penso.
Ho gettato via il pensiero quando ho letto questi pensieri di Buddha:

"Pensa e agisci aldilà della mente
e la felicità ti seguirà come la ruota del carro
segue il bue che la trascina.

Pensa e agisci dando retta alla mente
e le disgrazie ti seguiranno come la ruota
del carro sgue il bue che la trascina."


E così ho smesso di usare la mente.
E tutto mi va bene.

Shaykh Sanai al Sultan Walad.

sorriso

9
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum