Forum di Libera Discussione. Il Luogo di Chi è in Viaggio e di Chi sta Cercando. Attualità, politica, filosofia, psicologia, sentimenti, cultura, cucina, bellezza, satira, svago, nuove amicizie e molto altro

Per scoprire le iniziative in corso nel forum scorri lo scroll


Babel's Land : International Forum in English language Fake Collettivo : nato da un audace esperimento di procreazione virtuale ad uso di tutti gli utenti Gruppo di Lettura - ideato e gestito da Miss. Stanislavskij La Selva Oscura : sezione riservata a chi ha smarrito la retta via virtuale Lo Specchio di Cristallo : una sezione protetta per parlare di te La Taverna dell'Eco: chat libera accessibile agli utenti della Valle

Non sei connesso Connettiti o registrati

 

Dai bestiari all'etologia: l'animale come essere naturale simbolico

Condividi 

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1
Fenhir
Fenhir
Viandante Residente
Viandante Residente
Il bestiario sta all’etologia come l’astrologia sta all’astronomia. Per secoli, gli astrologi colsero nel moto delle stelle il riflesso cosmico dei moti dell’animo. I moderni astronomi (....) si avvalsero delle osservazioni dei loro magici precursori per costruire la loro immagine del mondo. A loro volta, i compilatori dei “bestiari” videro nelle varie specie animali l’incarnazione di inclinazioni umane, di vizi, di virtù e la moderna etologia, che studia gli animali secondo i metodi della osservazione scientifica, alla fin fine ha recuperato l’idea di fondo del bestiario: l’idea cioè che nei comportamenti degli animali vi sia qualcosa di analogo alle tendenze morali o psicologiche dell’uomo.
(...)Ma veniamo all’etologia. Da quando Konrad Lorenz smise di martoriare gli animali nelle gabbie e a studiarli nel loro Umwelt (nel loro mondo specifico) l’idea che il comportamento degli animali sia la proiezione – e magari l’esagerazione – di tendenze presenti nel più complesso comportamento umano è un’idea che ha acquisito rinnovato spessore. I materialisti ne traggono la nota conclusione: l’uomo è solo un animale… Gli amanti del simbolo e del mito ricordano invece come già nel mondo antico i dodici caratteri e i dodici destini dell’uomo venissero abbinati ai dodici “animali” dello Zodiaco (..) Ma veniamo all’etologia. Da quando Konrad Lorenz smise di martoriare gli animali nelle gabbie e a studiarli nel loro Umwelt (nel loro mondo specifico) l’idea che il comportamento degli animali sia la proiezione – e magari l’esagerazione – di tendenze presenti nel più complesso comportamento umano è un’idea che ha acquisito rinnovato spessore. I materialisti ne traggono la nota conclusione: l’uomo è solo un animale… Gli amanti del simbolo e del mito ricordano invece come già nel mondo antico i dodici caratteri e i dodici destini dell’uomo venissero abbinati ai dodici “animali” dello Zodiaco (...)

Passaggi tratti da ll’articolo "Bestie, uomini, dei" pubblicato sull’Indipendente


Mi è piaciuto leggere questo articolo e ve lo riporto.


Perchè gli animali hanno costituito un ponte simbolico, nei secoli precedenti alla scienza moderna, e tale tendenza infondo perdura?
Se prima l'attribuzione era di tipo magico, ora invece si fonda sul loro studio scientifico, che rivela al di sotto delle differenze profonde affinità.
Sono queste affinità a consentirlo?
o sono forse le differenze?

2
Fenhir
Fenhir
Viandante Residente
Viandante Residente
Vi punzecchio un po'.
Nessuna risposta?

3
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ma sai è interessante ma hai già detto tu che per i materialisti l'uomo è solo un animale...io ti posso dire che nel migliore dei casi l'uomo è come un animale nel peggiore è solo un uomo Sorriso Scemo

4
lisandro
lisandro
Viandante Storico
Viandante Storico

Tra le allegorie di un tempo e lo scientismo di oggi, non trovo molte differenze a parte nei dettagli. Poiché comunque trattasi di metodi d' indagine che soddisfano delle richieste date dal loro contesto. Noi che siamo cresciuti coi documentari naturalistici alla televisione, comprenderemo senz'altro meglio il linguaggio degli etologi, anziché la simbologia degli oroscopi.
(non me la sento di definire l' astrologia come una pratica assolutamente inattendibile, poiché è un mondo che ignoro)

Comunque l' aspetto che rilevo è che l' interesse dei ricercatori, sempre dettato dallo studio scrupoloso per rendere migliore l' esistenza dell'umanità, presenta la sorprendente scoperta che gli esseri "analizzati" (ovvero gli altri animali) spesso hanno molte più cose da insegnarci.
Nei secoli passati si è dovuto fare i conti con civiltà sterminate, rivelatesi poi uniche per la loro ricchezza culturale, quando era ormai troppo tardi. Nell'ultimo secolo la stessa sensibilità è stata scossa con le specie animali che si sono estinte o ne sono a rischio in seguito alle nostre attività. Mai prima di ora si era sentito parlare di "benessere animale".

Voglio riportare lo stesso brano postato in quest'altra discussione: http://www.lavalledelleco.net/t3228-antropologia

lunedì 27 ottobre 2008
Perchè bonobo? C'è chi addirittura pensa che questo essere sia a un grado di evoluzione in più rispetto all'uomo..non ha poi tutti torti. Il bonobo è una scimmia antropomorfa di recente scoperta, prima si credeva che l'essere più vicino all'uomo fosse lo scimpanzè, ma basta la semplice osservazione per sentirli davvero vicini ( è lui che condivide con noi il 98% del DNA). Apparte l'aspetto fisico, che rispetto allo scimpanzè, si avvicina di più al nostro ( fronte più bassa, peli lunghi in testa con scriminatura al centro...), la loro società eguaglia, più o meno, i sessi; non hanno manie di protagonismo come i loro vicini, scimpanzè e uomo, e fanno l'amore per coccolo, non per riprodursi. Sembra che l'atto sessuale sia parte integrante della loro vita, ogni lite viene risolta con una gran bella ammucchiata, e anche tra amiche o amici non si pongono schemi . La cosa che li fa assomigliare ancora più a noi è che sono gli unici a fare l'amore guardandosi in faccia, baciandosi, anche con la lingua, e se poi ancora non ho convinto nessuno, praticano anche sesso orale. Addirittura se due maschi litigano per un femmina, prima quello che ha avuto la meglio pensa a lei e poi, data la loro inclinazione alla tranquillità, si recano dal rivale baciandolo e dandogli una toccatina.

Parafrasando BigbossStigazzi, direi che se l' uomo fosse più animale, sarebbe meno disumano.


Insomma se Hakimsanai43 si può permettere di definirsi "profeta", voglio anch'io il diritto di rivestire il ruolo di "ecofondamentalista" della valle.

con sommo gaudio, vostro
caio eufrosine ecofondamentalista della valle

5
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ma perchè seguire sempre i cattivi esempi? capisco che è nella natura umana ma lascia i profeti al loro destino animale amico mio, poi perchè eco fondamentalista
è la lista fondamentale dell'eco?

Fondamenta è bello
fondazione pure
fondere e fondare
il fondo da non toccare
senza adarci a fondo ma senza liste, senza categorie
sono esse insieme alle certezze
a depistare l'anima-le uomo

6
lisandro
lisandro
Viandante Storico
Viandante Storico
Complimenti per l' affondo mentale...
come ogni notte, ululare fa male.

7
lisandro
lisandro
Viandante Storico
Viandante Storico
Bigboss ha detto:
senza adarci a fondo ma senza liste, senza categorie
sono esse insieme alle certezze
a depistare l'anima-le uomo

Lo so, la solita solfa del "senza etichette", ma ci vuole responsabilità per appiccicarsi un qualche "ismo" addosso.
(anche a non voler mai etichette, l' è una simpatica etichetta --paradosso!!--)
Nel gioco dei ruoli io voglio essere assunto allo sportello sopraindicato perché ci ho inclinazione.
La difficoltà sta nel mantenersi sempre una via di scampo nel caso quel ruolo uno lo voglia un domani rinnegare.

In un altro post ho scritto d'essere un "fautore del dubbio ad oltranza".
In un altro post ancora, ho scritto d'essere "promotore della creazione per sempre".

Insomma qualche certezza ce l'ho, come quel cretese Epimenide (vedi discussione: http://www.lavalledelleco.net/t3332-para-il-dosso)

8
BigBossStigazzi
BigBossStigazzi
Viandante Ad Honorem
Viandante Ad Honorem
ognuno può fare quel che vuole, il mio era un consiglio non un giudizio, si sà io non ho giudizio..........a me piace l'ecosistema, solo che temo che finchè ci saranno estremisti non si potrà rispettare tutti, un estremista dell'ecosistema, ossia un eco-terrorista tiene solo lontane le persone normali dal pensare ecologicamente o sistematicamente.....poi la tua era una battuta e anche la mia quindi, che nessuno mi prenda sul serio per carità!

9
lisandro
lisandro
Viandante Storico
Viandante Storico
Ridendo e scherzando...
ognuno può fare quel che vuole secondo il proprio giudizio... sta poi a chi ci è prossimo emulare o dissentire, ovvero raccogliere una nostra esperienza e perpetrarla o censurarla o trasformarla, secondo il proprio giudizio. Insomma credo che ogni azione sia mossa da giudizio. O forse che tu mi dici che non sei mosso da alcuna cosa?

Comunque grazie, mi hai dato lo spunto per ripensarci: non dirò più d'essere ecofondamentalista, ma ecofomentalista mi piace di più.

Quando fate teatro vi capiterà che per costruire il personaggio da interpretare, sulle prime improvvisazioni sarete costretti a "sporcare molto", cioè a sperimentare il nuovo ruolo introiettando tutti gli eccessi. Solo successivamente si passerà alla fase di pulizia, togliendo tutto ciò che non funziona e lasciando solo quello che serve per il personaggio, rendendolo fruibile al pubblico.
Sperimentatevi gente... ma soprattutto sporcate molto (eh! ma poi ripulite!).

con infinito amor, servo vostro,
caio eufrosine ecofomentalista della valle.

10
lisandro
lisandro
Viandante Storico
Viandante Storico
Un saluto a un altro caro estinto.

https://www.youtube.com/watch?v=iDvvFkJ-5L4

11
Contenuto sponsorizzato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum